precedente successiva

 San Quirico d’Orcia

e comunità domenicana

1

ë

2


Siena 23 luglio 1304: Niccoluccio dei Salimbeni da Siena scambia con i domenicani senesi un terreno in San Quirico d’Orcia destinato all'ospizio dei frati domenicani e francescani

«1304, indictione 2a, die 23 mensis iulii. Ego Niccholuccius domini Benuccii de Salembenis de Senis..., titulo permutationis et cambio, do... tibi Bindo olim Pieri, sindico... capituli conventus et loci fratrum Predicatorum de Senis..., pro capitulo... et etiam pro domo hospitalitatis predictorum fratrum... posit(a) in castro Sancti Quirici in Osenna, que regitur et gubernatur per te dictum Bindum pro hospitalitate... fratrum et ordinis Predicatorum et etiam pro fratribus Minoribus Sancti Francisci... de Sancto Quirico, quandam petiam terre positam in curia... Sancti Quirici in Osena, in loco dicto la Costa, sive la Fonte a la vena (...). Actum Senis... Ego Ranerius notarius condam Ranerii, qui vocor Nerius» (Arch. di Stato di Siena, Patrim. resti eccles. (S. Domenico) 23.VII.1304).

Siena 1348-1350 circa: decesso di fra Andrea da San Quirico d’Orcia

«Frater Andreas de Sancto Chiricho» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, f. 3v; ed. M.-H. Laurent, I necrologi di San Domenico in Camporegio (Fontes vitae S. Catharinae Senensis XX), Milano 1937, p. 6, n° 50. Nella semplice lista nominale di frati deceduti ai tempi della peste registrati dalla cronaca senese; cronaca avviata in luglio 1403 da anonimo cronista.

Ospizio San Quirico d’Orcia 30 giugno 1363: decesso di fra Bartolomeo di Mino (da Siena?)

«Venerandus pater frater Bartholomeus Mini, qui fuit homo magni consilii, clare licterature, secularibus mirabiliter gratiosus, qui in Romana provincia habuit plures promotiones tam quoad studia quam quoad prelationes, fuit prior in multis conventibus ac etiam diffinitor et predicator generalis, ordinis et sui conventus zelator precipuus: diem clausit extremum in ospitali Sancti Chirici in Rosenna die ultimo iunii <1363> et corpus suum Senis delatum est et humatum in loco communi fratrum defuntorum die prima iulii cum magna totius civitatis desolatione de abssentia tanti patris» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, f. 4v; ed. M.-H. Laurent, I necrologi di San Domenico in Camporegio, Milano 1937, pp. 7-8, n° 57).

Fra Bartolomeo di Mino è più volte menzionato anche nel necrologio dei laici, in relazione a suoi parenti; vedi Laurent, I necrologi..., indice in p. 314a.

Siena, San Domenico in Camporegio 16 giugno 1374: capitolo conventuale circa ospizio San Quirico d’Orcia

Atto capitolare del convento senese, con lista dei frati capitolari (totale 23). Lunga pergamena, materia circa ospizio di San Quirico "in Osenna" (Arch. di Stato di Siena, Patrim. resti eccles. (S. Domenico) 16.VI.1374).

■ Ai tempi della consultazione (anno 1986) non ne trascrissi il testo. Miseremini mei! Ma tu, nuovo ricercatore sul tema, non omettere trascrizione integrale, ti prego!

Siena 3 novembre 1411: decesso di fra Giovanni da San Quirico d’Orcia (filiazione conventuale di San Domenico in Camporegio)

«Reverentus pater frater Iohannes Iohannis de Santo Chirico die 3 novenbris 1411 oram claudit extremam, corporali langore diutino precedenti. Regularis frater et bonorum morum fuit; item prior fuit in pluribus conventibus videlicet Pipernensi, Cortonensi, Tudertino et demum in conventu suo Senensi. Item fuit predicator generalis, diffinitor capituli provincialis, comunis licterature et conpetenter proposuit populo verbum Dei. Requiescat in pace, amen» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, f. 17v: ed. M.-H. Laurent, I necrologi di San Domenico in Camporegio, Milano 1937, pp. 23-24, n° 134).

San Quirico d’Orcia 1467: muore fra Tommaso da Rocca Tederighi rettore dell'ospizio domenicano, e vien sepolto nel convento dei frati Minori di San Quirico

 «Frater Thomas Iohannis della Roccha Tetheria, qui erat rector et gubernator hospitii Sancti Quirici, obiit die < . . . > 1467 et sepultus est ibidem in conventu fratrum Minorum. Requiescat in pace» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, Siena, Bibl. comunale B.VII.4, f. 30v, n° 213).

Cf. M. Giusti - P. Guidi, Rationes decimarum Italiae. Tuscia, Città del Vat. (Studi e testi 58, 98) 1932-42, II, p. 188 n° 2951, p. 395a: Rocca Tederighi (dioc. Grosseto).

Siena 27 settembre 1481: fra Bartolomeo di Pietro da San Miniato governatore dell'ospizio di San Quirico(?)

Registrum litterarum magistri Salvi Cassetta de Panormo (1481-1483), AGOP IV.6, f. 63v: «Frater Bartholomeus Petri Gaccii de Sancto Miniate al Thedesco, gubernator hospitii condam ?? Chirico, potest convenire coram quocunque iudice, et presertim d(omino) Apyscopico Prentino(?) vel eius vicario, quendam fratrem Ieronimum de Pisis propter dampna que intulit in preiudicium dicti hospitii, et ipsum condempnari facere ad restitutionem etc. In contrarium etc. Datum Senis, xxvij septembris 1481».

Roma 5 settembre 1483: fra Ugolino da Cortona abilitato a stare quattro mesi in Santa Maria di San Quirico

Registrum litterarum magistri Salvi Cassetta de Panormo (1481-1483), AGOP IV.6, f. 81v: «Frater Hugolinus de Cortonio, conventus cortoniensis, potest stare per quatuor menses in Sancto Clerico in ecclesia Sancte Marie, deinde redire ad conventum suum. Datum Rome, die quinto septembris 1483».

 Nella pieve San Quirico di Rosenna (area meridionale della dioc. d'Arezzo, oggi San Quirico d'Orcia in prov. di Siena) c'era una chiesa Santa Maria di San Quirico: Rationes decimarum Italiae. Tuscia I, 86 n° 1896; II, 100 n° 1767.

Borgo Scopeto (pr. Siena) 4 agosto 1529: qui muore fra Vincenzo da Siena, che era stato a lungo priore di San Quirico d’Orcia

«Reverendus pater frater Vincentius Senensis. Vir utique religiosus et timens Deum, per multos annos fuit prior Sancti Quirici, in quo officio laudabiliter se gessit. Tandem ad ętatem senilem perveniens rediit Senas ad conventum suum, in quo degens omnibus gratus et quam gratiosus in audiendis confessionibus. Fuit novissime evocatus a Domino dum esset in quadam villa dicta Scopeto; sumptis sacramentis respondit huius corporis sarcinam deponens 4 augusti, et sepultus est ibidem. Cuius anima ?? feliciter <dormiat?>, amen» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, f. 44r, n° 296; ultimo rigo della carta ritagliato in parte dalla rifilatura).

Qui si attesta che fra Vincenzo da Siena "per molti anni era stato priore di San Quirico"; poi molto anziano torna al suo convento senese, del quale era filius (filiazione conventuale). In questo periodo dunque San Quirico d’Orcia non era più semplice "ospizio", o casa filiale dipendente dal convento senese, ma era convento formale ed autonomo. Altro priore di San Quirico sarà fra Giovanni da Siena († 1.IX.1537), come risulta nel prossimo item. Dunque, almeno nel primo Cinquecento in San Quirico d’Orcia c'era un vero convento domenicano. Mentre il 12.I.1552 (vedi sotto a questa data) un frate del convento senese muore «in ospitali Sancti Quirici»; San Quirico ospizio, non più convento!

I registri delle lettere dei maestri generali OP del Cinquecento (AGOP IV.15 ss) potrebbero apportare decisiva testimonianza all'istituzione conventuale dell'ospizio San Quirico d’Orcia.

Siena 1 settembre 1537 (1538?): decesso di fra Giovanni da Siena, che era stato priore di San Quirico d’Orcia

«Frater Iohannes Senensis, bonus pater. Fuit prior Sancti Quirici et in conventu nostro suprior. Moratus est per multos annos extra ordinem. Demum rediens, gravi febre per multos dies vexatus quam multa cum patientia substulit, post receptionem devotissimam ecclesie sacramentorum, nature satisfaciens, corpus humi et animam suo reddidit Salvatori prima septembris. Eius corpus in ecclesia in tumulo fratrum humatum iacet. Cuius anima requiescat in pace, amen» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, f. 45v, n° 303).

Nella Cronica f. 45r-v l'anno 1537 apre il primo item (n° 302) della sequenza cronologica: frate deceduto «xiiij ianuarii», ovvero il 14 gennaio 1537 dello stile senese, corrispondente al nostro 1538. Verosimilmente dunque il 1 settembre 1537 del decesso di fra Giovanni da Siena (secondo item, n° 303) dovrebb'essere del nostro 1538!

San Quirico d’Orcia 12 gennaio 1552: di ritorno da Roma fra Cristoforo dei Berlinghoni da Siena muore in San Quirico e lì vien sepolto

«Frater Cristophorus, sacerdos, de Birlinghonis Senensis. In reversione sua ab Urbe, in ospitali Sancti Quirici infirmatus est et ibi die 12 ianuarii <1551> mortuus est atque sepultus» (Cronica fratrum Sancti Dominici in Camporegio, f. 48r, n° 317).

in ospitali Sancti Quirici: San Quirico d’Orcia non è più convento, ma è tornato allo statuto di ospizio.

San Quirico d’Orcia 2012: un frate domenicano raggiunge San Quirico... in bicicletta!

Risultati immagini per Athos TurchiAthos Turchi, n. Castiglione d'Orcia (pr. Siena) 25.V.1951, professione religiosa nell'ordine domenicano 4.X.1968, ordinazione sacerdote 25.VI.1977. Autore di La bicicletta e l'arte di pensare. Cicloturismo filosofico in val d'Orcia, Edizioni Effigi, Arcidosso (GS) 2012; «finito di stampare dicembre 2012» (p. 184). Preziosa cartina topografica della val d'Orcia in pp. 182-183.

San Quirico d’Orcia in pp. 125-128 (dopo la visita alla cappella della Madonna di Vitaleta, pp. 121-124): «Ritorno sullo sterrato lasciato e dopo poco entro nella statale 146 che congiunge San Quirico a Pienza. Svolto a sinistra verso San Quirico, e mi rendo conto che sull'asfalto si va meglio. La faccenda non è banale, perché ho deciso di velocizzare la corsa, e la forza va distribuita bene.

Poco dopo passo, alla mia destra, una piccola cappella con portico, tutto in cotto laterizio, molto carina e misericordiosa per tutti quelli che anticamente si muovevano a piedi, e supero anche l'ingresso all'hotel Casanova, ben altro modo di sostare oggi... Finché giungo proprio davanti alla tozza porta "ai cappuccini" che, con la sua forma ottagonale, fa da ingresso a San Quirico. Entro per gli antichi selciati e mi porto verso la collegiata, chiesa dedicata ai santi Quirico e Giulitta, rispettivamente figlio di tre anni e mamma, martirizzati sotto Diocleziano all'incirca nel 304 d.C. La collegiata è una splendida costruzione in travertino sorta sul finire del 1100, in stile romanico arioso e asciutto, con due portali uno più bello dell'altro. In uno di essi due statue sostengono l'arco, e per questo io le ritengo le cause in forza delle quali l'arco di volta del portale sta su e non può crollare. (...)» (p. 125).

Nei piacevoli racconti di queste pagine del Turchi non compare alcuna testimonianza di tracce o residui d'antica residenza domenicana in San Quirico d’Orcia.

 


ATHOS TURCHI, La bicicletta e l'arte di pensare. Cicloturismo filosofico in val d'Orcia,

Edizioni Effigi, Arcidosso (GS) 2012, pp. 184.

Inizio agosto 2019: m'imbatto casualmente in questo libro nella piccola biblioteca parrocchiale di San Domenico di Fiesole, saletta in cima al chiostro. Giocoso e filosofico (e... sotterraneamente teologico?) viaggio ciclistico in val d'Orcia, provincia di Siena. Sincere congratulazioni al confratello domenicano Athos Turchi e alla sua filosofica bicicletta: abilità narrativa e acutezza di pensiero!

In quarta pagina di copertina: «C'è il giro d'Italia, il tour de France, ma un giro in bici intorno e dentro l'umanità non è da scartare. Il mistero umano con i suoi pensieri da scalare, le sue paure da percorrere, i suoi tortuosi sentimenti da visitare, e così le sue politiche, le sue correlazioni, il suo mondo, sulle quali discendere veloci, sono spazi immensi per una pedalata, ma il solo toccarli danno gusto allo sforzo, come quando un bel panorama o un nuovo incontro premiano la fatica del ciclista. Un giro in bici vale un giro nel mondo del senso e del non senso, dove l'uomo si dibatte e dove ne cerca una via di uscita».

«Athos Turchi, di Castiglione d'Orcia, vive a San Domenico di Fiesole (Fi), ciclista per hobby, insegna filosofia teoretica alla Facoltà Teologica dell'Italia Centrale di Firenze. Ha pubblicato numerosi saggi a carattere filosofico e teologico in diverse riviste specialistiche...».

Castiglione d'Orcia, pp. 151-156: «La bici scende veloce verso Castiglioni, intendiamoci: saranno 500 mt, e mi accingo a fare l'ingresso nel mio paese. (...)». Acute riflessioni su democrazia, politica, bene comune; intrecciate con ironico cicloturismo.

Mia impertinenza lessicale. In pag. 156, quartultimo rigo: «legittima tirannia democratica, avvallata dall'eletttore»; avvallata o avallata? forse avvallata perché duplicata dalla legittima fatica elettorale del cicloturista?

"Oh no! La filosofia biciclettaia sa distinguere parvenza e realtà. Da Castiglione la bicicletta scende a valle (parvenza del grafema), mentre in realtà scende avvalle (realtà del fonema)".

https://www.sanmarcofirenze.it/libri-athos-turchi/

https://youtu.be/NzZu17l1VNQ

http://www.cpadver-effigi.com/blog/libri/valdorcia/

■ Un collaboratore laico di San Domenico di Fiesole mi dice che padre Athos Turchi abitava nel secondo piano, stanza n° 9. - È proprio la stanza dove ora abito io (da ottobre 2015)!

4.VIII.2019, mia lettera a padre Athos: «(...). Qui ti segnalo una mia recente pagina web:

http://www.e-theca.net/emiliopanella/convento/sqdorcia.htm

Poi ho fortunatamente visto e letto il tuo contributoLa bicicletta e l'arte di pensare. Cicloturismo filosofico in val d'Orcia. Congratulazioni per il tema e per lo stile narrativo.

Una domanda: sai se in San Quirico dOrcia è sopravvissuto convento/chiesa dei domenicani? adibito e riadattato ad altri usi? E i francescani? Alla tua prossima sbiciclettata prova a raggiungere San Quirico e chiedi informazioni locali o a storici della città. Te ne sarò infinitamente grato; e ovviamente ne farò menzione negli aggiornamenti alla mia pagina web su San Quirico d’Orcia.

- in Nosenna? in Osenna? Sopravvive ancora tale specificazione toponimica? Quale la forma odierna?

Grazie e fraterni saluti, p. Emilio Panella».

5.VIII.2019, risposta di p. Athos: «(...). Di quanto mi hai mandato per la verità non sapevo nulla. So soltanto che vicino a Porta Cappuccini in S. Quirico la gente continua a indicare le strutture di un convento cappuccino. Per la piccolezza del borgo potrebbe essere uno stabile abbandonato da altri frati e rilevato dai cappuccini.

Dei termini che mi chiedi, sapevo che in primis si chiamava Nosenna, poi diventato Osenna (come riportano ancora le carte stradali) ma sinceramente da quando io sono nato nessuno usa quei termini, e dicendolo nessuno sa dove si trovano. In genere Osenna riguarda la zona che da S. Quirico va verso l'Orcia fiume.

Delle zone citate so dove era Castel Percenna, poco distante da Buonconvento. La zona di Cielamonti è un piccolo colle che divide S. Quirico da Torrenieri sull'antica Cassia.

Cosona non so se fosse un castello o una fattoria, ma è sulla strada che da Torrenieri porta a S. Anna in Camprena, che furono terre dei Piccolomini.

Di quanto lì ho letto e capito, può essere che poi i domenicani ebbero difficoltà a costruirvi un vero e proprio ospizio e usarono strutture non porprio conventuali? perché non mi è mai capitato di sapere della presenza domenicana, anche da un vecchio prete, don Gino, storico lì di S. Quirico ora morto.

Cmq [=? Comunque] quando mi capita di passarci mi fermo per chiedere lumi. Saluti p. Athos».

■ Tra le notizie trasmesse dal nostro provinciale il 9.XII.2019: «26 novembre 2019. Il Maestro dell’Ordine firma il decreto che concede a fr. Athos Turchi due anni di extra claustra, come da lui richiesto».

24.VII.2022, l'autore m'invia da Santa Maria Novella il libro: ATHOS TURCHI, L'uomo visto dalla Val d'Orcia, Edizioni Effigi, Arcidosso (GS) 2022, pp. 112; indice in p. 107.

Il giorno successivo, alle ore 9,05 ricevo da Athos (da S. Maria Novella) il messaggio: «Ti ringrazio del saluto. Il libretto [L'uomo visto dalla Val d'Orcia] è un insieme di temi, non approfonditi, ma solo trattati i modo generale ... per tutti.

A s. Quirico d'Orcia parlando col vicesindaco mi ha detto che si sarebbe interessato circa la presenza domenicana in quel paese. Mostrandomi una foto antica di s. Quirico in effetti si nota una chiesetta che ora non c'è più, localizzata proprio dove tu mi dicevi esser l'ospizio domenicano. Ti farò sapere.

Qui al momento mi trovo discretamente. Loro sono giovani io sono vecchio, ma l'importante è che lo<ro?> mi considerino tale, in modo che ho tempo per studiare... .

un saluto p. Athos».

 

 

finis!


precedente successiva